Anche i boia muoiono. W la libertà.

Anche i boia muoiono. W la libertà.
Anche i boia muoiono. W la libertà.
Il giornalista è curioso, vuole sapere che cosa pensa della morte del padre della rivoluzione russa, vorrebbe un necrologio da lui . Errico Malatesta lo guarda dritto, gli occhi gelidi, la sofferenza fisica in quei giorni è forte ma rimane in piedi, immobile. Lo sa che cosa significa dare una risposta, è consapevole che moltitudini di uomini e donne stanno piangendo per la morte del rivoluzionario russo. É altresì consapevole che è stato definito dalle moltitudini lo Lenin d’italia, ma è un anarchico, non può stare zitto. A costo di farsi infiniti nemici, a costo di essere insultato, denigrato, accusato non può rimanere in disparte, deve rispondere, il suo ideale travalica le sicure conseguenze. Il giornalista lo incalza:. Il vecchio anarchico che fino a pochi anni prima era il ricercato numero uno d’europa risponde, senza tentennamenti, la sua risposta è entrata nella storia dell’anarchismo internazionale:< Si, ho sentito, lei mi chiede che cosa penso della morte di Lenin, ebbene avrà la sua risposta. Lenin è morto. Noi possiamo avere per lui quella specie di ammirazione forzata che strappano alle folle gli uomini forti, anche se allucinati, anche se malvagi, che riescono a lasciare nella storia una traccia profonda del loro passaggio: Alessandro, Giulio Cesare, Loyola, Cromwell, Robespierre, Napoleone. Ma egli, sia pure colle migliori intenzioni, fu un tiranno, fu lo strangolatore della Rivoluzione russa, e noi che non potemmo amarlo vivo, non possiamo piangerlo morto. Lenin è morto. Viva la libertà!». 25 novembre 2016 Fidel Castro muore. Saranno milioni gli individui che lo piangeranno. A costo di essere criticato, insultato, voglio rispondere, devo rispondere, sono un anarchico non posso scansarmi. Centinaia di anarchici a cuba per 40 anni vennero incarcerati, uccisi, torturati, subirono il confino, l'allontanamento dalle loro famiglie. A questo proposito voglio consigliare una lettura che farà male, molti libertari purtroppo non conoscono la lotta anarchica sotto la dittatura cubana. Il libro scritto da Frank Fernandéz si intitola CUBA LIBERTARIA Storia dell'anarchismo cubano. Dopo averlo letto volli approfondire l'argomento e quello che scoprii mi ferì, la rivoluzione cubana di Castro fu una tragedia per gli anarchici e i libertari cubani. Come si diceva una volta:< Nè destra, nè sinistra è la vostra dittatura, democrazia. Il nostro ideale è l'anarchia>. Complice e solidale sempre con gli oppressi, con chi pagò con la vita il sogno meraviglioso di libertà, di uguaglianza, di amore. Contro ogni dittatura di destra, di sinistra, di centro.

Fidel Castro è morto, Viva la libertà!

Olmo

Precedente Il 25 novembre 1964 muore l'anarcosindacalista Gervasio Successivo Il 2 dicembre 1943 muore a Firenze Oreste Ristori

Lascia un commento

*