Conversazione tipo tra giudice e accusato.

– Buongiorno, lei è qui per deporre, lo sa?
– Ce lo so.
– In base all’articolo tale della legge tale dell’anno tale, lei ha rubato, quindi ha commesso un reato.
– Non riconosco la vostra legge, è solo il vostro punto di vista.
– La legge è uguale per tutti. Lei riconosce di aver commesso un reato?
– No. Riconosco che la vostra legge è un reato.
– Giovanotto, qui si parla in termini di legge. Riconosce il reato?
– Nei termini della vostra legge, che non riconosco, sì.
– E dica, era cosciente che lei stesse commettendo un reato?
– Conosco fin da bambino ciò che dice la vostra legge.
– E allora perché ha commesso reato?
– Perché non è conoscendo la legge a memoria che ci si sfama.

– In che senso?
– Vede, voi venite da noi quando ancora siamo bambini e ci insegnate che rubare, secondo la vostra legge, è un reato. Dunque lo sanno tutti, inutile fare questa domanda. E nonostante tutti sappiano che per voi rubare è un reato, la gente ruba perché non trova i mezzi per vivere come una persona dovrebbe vivere. Quindi la vostra legge non serve a togliere la causa che scatena il reato, ma solamente a punire la gente. Che senso ha punire la gente, se questa sa benissimo a priori che secondo la vostra legge rubare è un reato? Credete che basti la punizione per far sparire la miseria dal mondo? Perché qui si ruba per riprenderci quello che la vostra legge ci toglie. Siete voi che rubate a noi, per far arricchire i padroni. Noi ci riprendiamo ciò che è nostro, e per voi questo, e solo questo, è reato. La vostra legge non considera reato il fatto che un padrone rubi denari e vita a quelli che lui sfrutta, anzi, voi agevolate i padroni, li tutelate nella loro ruberia. Come potrei riconoscere la vostra legge? E come potrei credere che la vostra legge sia uguale per tutti? Voi potete anche mandarmi in galera, e ruberete ancora mia vita, ruberete ai miei figli il loro padre, ma questo per voi non è un reato. Per voi rubare è solo quando noi ci riprendiamo quello che era nostro, cioè la ricchezza che produciamo e la libertà che avremmo per diritto naturale, se voi non ce la rubaste. I ladri siete voi, e stando così le cose, dato che i criminali siete voi, è un onore per me essere rinchiuso nelle vostre celle, è il luogo dove voi rinchiudete gli sfruttati e i derubati, le persone oneste e libere come me. La vostra cella è il mio certificato di onestà.

Cloud’s Walden

Precedente La 'professione più antica del mondo'. Verso lo sciopero dell'8 marzo Successivo A Pistoia c'è ancora gente senza Fedi.

Lascia un commento

*