Pistoia. La cultura democratica dello sgombero.

Apprendiamo con profondo sdegno e disappunto che le amministrazioni pistoiesi ossia di quella città che l’anno prossimo sarà insignita con il premio alla cultura che nella mattinata di ieri ha fatto sgomberare il vecchio mattatoio occupato con l’ausilio dei suoi sgherri a busta paga del comune, facilitati dall’assenza di persone all’interno ponendovi i sigilli istituzionali. Ci chiediamo se è questa la cultura che intendono promuovere sgomberando l’unico centro di aggregazione della città dove da tempo si tenevano concerti e venivano organizzati eventi socio culturali,un vero riconoscimento ai valori della resistenza e alla medaglia d’oro alla resistenza stessa di cui il comune si fregia, vogliamo ricordare inoltre che la città di Pistoia venne liberata proprio dagli anarchici dall’oppressore fascista. Con il gesto di ieri mattina le amministrazioni comunali pistoiesi hanno dato il chiaro esempio democratico che rivestono promuovendo la cultura del manganello anche se questa volta solo metaforicamente. La nostra solidarietà a tutti gli occupanti dell’ex macello occupato, non sarà certo uno sgombero a reprimere il desiderio di libertà degli occupanti,a queste pratiche democratiche ci siamo ormai abituati da tempo. Ne sgomberate uno e ne verranno occupati altri cento.

“Questa mattina all’alba è stato sgomberato il CSOA Macello, gran parte del materiale all’interno portato via e sequestrato. Nessuno si trovava all’interno. I vigili dicono che ci era stata recapitata un ordinanza di sgombero nelle settimane precedenti (ma quando? ma dove?).
Nella città “capitale della cultura” viene chiuso uno degli unici spazi di aggregazione e socialità, capace di convogliare decine e decine di giovani nonostante i pochi mesi di vita, ammazzando una città di per se già morta.”
A breve usciremo con un comunicato… NON CI ARRENDIAMO!
BRIGANTI & PIRATI DEL MACELLO

Di: La fiaccola dell’anarchia (comunità multietnica aperta)

L'ex macello occupato.
L’ex macello occupato.

Precedente Democrazia verde... Successivo Lettera aperta di un carrarino ai politici locali

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.