Sei bella e prosperosa? Allora lavori, diversamente crepa di fame

images15Una settimana fa uscendo dal supermercato mi sono trovato di fronte una ragazza di bella presenza che mi ammicca con un sorriso,contraccambio e rallento il passo cercando di capire cosa stesse pubblicizzando,mi fermo incuriosito dalla sua propaganda e non per la sua avvenenza, e vedo che pubblicizza dei materassi ad acqua e fin qui niente di male se non che nelle fotografie vi erano donne in lingerie sdraiate in varie posizioni. Credendomi interessato ha cominciato a parlare,l’ho interrotta dopo poco, solo perchè mi dispiaceva farle ripetere tutta la lezioncina che probabilmente le è stata insegnata a memoria non essendo minimamente interessato alla sua propaganda facendole notare di come il corpo femminile venga mercificato e sfruttato a fini propagandistici. Mi ha guardato meravigliata e mi ha detto che avevo ragione,ha usato da sola il termine sessista,quella pubblicità secondo lei avrebbe dovuto contenere entrambi i sessi. La conversazione è durata una ventina di minuti e non si è affatto curata dei passanti che entravano e uscivano e ha aperto una parentesi sui criteri di selezione delle ragazze su certe pubblicità,le quali devono rispondere a certi canoni di bellezza ed ha anche aggiunto che se era brutta non sarebbe stata a lavorare li. Eravamo quasi alla fine della conversazione quando passa un mio conoscente di vecchia data il quale mi dice:” o Alessà e sei sempre a provarci”,io tra me e me ho pensato:”figurati se doveva mancare il maschilista”,sembrerebbe una cosa fatta apposta,se ti fermi a parlare con una ragazza devi per forza provarci,lo so è una battuta ma guarda caso non centrava niente anche se non poteva certo sapere di cosa stessimo parlando. Ci siamo guardati in faccia io e la ragazza attoniti,lei aveva capito perfettamente che non avevo nessun tipo di interesse nei suoi confronti e si è dispiaciuta per lui per la sua esclamazione poco felice e ci siamo salutati. Sembrerebbe una storia qualunque, la “normalità” ma queste cose dovrebbero far pensare seriamente a cosa porta il capitalismo,se sei bella vieni sfruttata e lavori,se sei brutta neanche vieni considerata e muori di fame e la mente richiama ai campi di concentramento dove si diceva utile e non indispensabile. Regresso involutivo dei giorni nostri.

Ale

Precedente Il giardino fiorito. Successivo La palla è mia e decido io quando si smette di giocare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.