Crea sito

I NEMICI DELLA LIBERTA’

Giovanna Caleffi e Camillo Berneri
Il 5 maggio prossimo ricorrerà il 79° anniversario dell’assassinio, per mano bolscevica, di Camillo Berneri e Francesco Barbieri, nella “settimana tragica” della Barcellona rivoluzionaria.
Quello che segue è l’articolo, appassionato, che scrisse la moglie di Berneri, Giovanna Caleffi, in occasione del ventesimo anniversario dei drammatici fatti, sulla rivista Volontà (anno X, numero 8 – maggio 1957, pagg. 466-473).
“È morto sotto il piombo degli assassini, nell’ombra. E da quell’ombra si diffonde una luce che si va facendo sempre più intensa, a misura che passano i giorni. Lo hanno ucciso perché era anarchico, perché voleva la libertà e lavorava per la libertà. La sua morte non è diversa da quella di Durruti o di Cieri, di De Rosa o di Angeloni, di Schirru o di Matteotti. Gli assassini con nomi diversi, sono sempre gli stessi. Nella guerra aperta, nell’agguato o nel cortile delle esecuzioni, sono le forze potenti di un mondo condannato a morte, che cercano di sopprimere i pionieri del mondo nuovo, che vive già nei presentimenti dei più, nella chiara coscienza delle avanguardie sociali, nelle realizzazioni più volte tentate e in quelle in atto della più recente storia spagnola.
La guerra indurisce i sentimenti. E non si può negare che, ormai, siamo in guerra. Pure, di fronte alla soppressione atroce di questa mente giovane e vigorosa su cui si basavano tante speranza nostre, di questa mente che s’era andata maturando nell’ascetismo della povertà e dello studio, e che al calore della rivoluzione stava arrivando al punto massimo di potenza, non possiamo fare a meno che il nostro dolore si traduca in amarezza e in indignazione.
Quest’assassinio commesso freddamente, giustificato come misura d’ordine pubblico, rivolta la nostra coscienza, ma rende anche più chiare le nostre idee e la nostra visione delle cose. I fatti di Barcellona, per quanto molti non se ne accorgono, aprono una nuova epoca nella tormentosa storia del proletariato” (Luce Fabbri, “Studi sociali”, Montevideo, 1937)
Così scriveva Luce Fabbri, subito dopo l’assassinio di Camillo Berneri, perpetrato, durante la settimana tragica di Barcellona, il 5 maggio 1937.
20 anni sono trascorsi da allora. A chi dovette attendere che gli anni passassero per accettare quella dolorosa realtà e continuò a sentirlo vivo, ispirandosi al suo pensiero ed al luminoso esempio della sua vita per trarne motivi di conforto e d’insegnamento per sé e per altri (questa modesta rivista è tutta pervasa dallo spirito di Camillo Berneri, anche se le mancano purtroppo, la robustezza del suo ingegno, la vigoria del suo pensiero e la sua profonda umanità); a chi comprese il valore della sua vita e della sua morte, par quasi impossibile che tanti anni siano passati, da quando la tragica notizia del suo assassinio gettò costernazione, dolore e collera fra i compagni del mondo intero.
Fu per tutti noi come se qualcosa si oscurasse per sempre: con la perdita di Camillo Berneri, un mondo luminoso, nato con gli avvenimenti della Spagna, crollava improvvisamente. La rivoluzione, quella rivoluzione alla quale Camillo Berneri era corso ad offrire i tesori del suo ingegno, del suo cuore, pronto a darle la sua stessa vita, si era divorata uno dei suoi figli migliori.
Sgomento, perplessità, disorientamento, amarezza e dolore ci afferrarono tutti: dai più intimi di Camillo ai suoi compagni di lotta, a tutti coloro che l’avevano conosciuto od avvicinato, perché conoscerlo significava essergli subito amico.
Ma, anche uomini onesti che non l’avevano conosciuto, furono profondamente feriti nella loro coscienza e quindi addolorati da un delitto che si spiegava solo con la volontà dei bolscevichi di colonizzare la Spagna e dalla necessità, quindi, per essi, di sopprimere tutti coloro che vi si opponevano.
Gli assassini, con nomi diversi, sono sempre gli stessi, dice Luce Fabbri. Ed è vero. Ma è pur vero che gli assassini di Sacco e Vanzetti, di Matteotti, dei fratelli Rosselli non potranno mai essere confusi nella storia con i giustizieri, gli alfieri della libertà. Essi portano ben visibile il marchio di assassino e non possono ingannare nessuno. Non fu così per gli assassini di Camillo Berneri, che vennero giustificati e difesi da un partito che si atteggiava e si atteggia tutt’ora, dopo tante atrocità e dopo aver dimostrato quale scempio sappia fare della libertà, ad apportatore di giustizia a gente che di giustizia è assetata.
In Europa, i fatti di Barcellona aprono una nuova epoca nella tormentosa storia del proletariato.
Ad aprire quella nuova epoca contribuì largamente l’azione di Camillo Berneri in Spagna, dove egli scrisse le sue più belle pagine di militante rivoluzionario, ed anche la sua morte. Anzi, il suo olocausto, chè egli ben sapeva il destino che l’aspettava, mettendosi al servizio della verità e della libertà.
Agli albori del 1937 vi erano state in Russia le mostruose epurazioni contro l’opposizione leninista-troskista. Gli anarchici (e particolarmente i russi che avevano dovuto fuggire le persecuzioni del regime bolscevico: Machno, Volin, Goldman, Fléchine, Shapirò ed altri) non erano più soli a denunciare il carattere ferocemente dittatoriale dello stalinismo. Andrè Gide, doveva ritrattare i suoi primi giudizi elogiativi sul governo russo, dopo una seconda visita nell’U.R.S.S. e degli scrittori come Silone, Koestler, con l’animo martoriato, abbandonavano il partito che era apparso loro come “una manifestazione del regime di dio in terra” dopo di aver scoperto quale abisso ci fosse “tra la propria visione di dio e la realtà dello Stato Comunista”. Però, fino alla guerra di Spagna, i giudizi sul regime in Russia erano fatti in base a fatti e dati che appartenevano ad un mondo tanto lontano da noi, dal quale, per la stessa cortina che lo divideva dall’Occidente, trapelavano poche e non chiare informazioni.
Molti onesti, tormentati sempre dagli scrupoli, non volevano pronunciarsi in base a così scarse notizie e su di un regime poco conosciuto di un popolo anch’esso poso conosciuto. E l’abile propaganda dei P.C. occidentali, l’astuta dialettica di tutti i servi del Cremlino, avevano facile gioco nel presentare quelle notizie esagerate, o false o a giustificare tutte le purghe ed eliminazioni con le “confessioni” degli stessi accusati e condannati.
Con i fatti di maggio di Barcellona, le cose cambiavano. Il processo contro lo stalinismo trovava ormai numerosi e gravi motivi di accusa anche in Spagna.
Questo paese era, dal 19 luglio 1936, il teatro di un’immensa lotta in cui il popolo difendeva con entusiasmo e coraggio la sua libertà contro il pugno di generali ribelli che si era sollevato contro il governo legale del suo paese. A quella grande lotta partecipavano uomini sinceramente democratici, venuti un po’ da tutte le parti del mondo: lavoratori nella maggior parte, ma anche giornalisti, intellettuali e scrittori come Orwell, Koestler, Kaminski ed altri.
Il P.C. spagnolo, quasi inesistente allo scoppio della rivoluzione, crebbe smisuratamente e rapidamente grazie agli aiuti in armi e viveri che la Russia aveva inviato. (E non dimentichiamolo mai: dietro invio anticipato dell’oro della banca di Spagna, oro che è rimasto in Russia e che continua ad essere motivo di “compromessi” tra i padroni della Russia ed il padrone della Spagna. Ed è prevedibile che tra uomini della stessa razza, finiranno per intendersi). Quest’aiuto russo scatenò l’entusiasmo di un popolo impegnato in una guerra difficile ed abbandonato da tutti i governi del mondo (ad eccezione di quello del Messico). Ne beneficiò il partito comunista spagnolo che diventò un partito forte di uomini al servizio di Mosca, di mezzi e potè così instaurare la sua egemonia nella centrale sindacale U.C.T., nel partito socialista e in seno ai fronti ed alleanze che si erano costituiti.
Stalin aveva saputo scegliere il momento buono per aiutare la Spagna ed imporre le sue condizioni.
Non si parlò più di rivoluzione sociale che doveva trasformare radicalmente la Spagna, così come era stata iniziata spontaneamente dal popolo, ma di una instaurazione di una repubblica democratica. Tutti gli elementi retrogradi, conservatori della Spagna poterono riprendere fiato.
Il deputato comunista Hernandez, dichiarava a Madrid (8 agosto 1936) che dopo la vittoria su Franco, “gli anarchici saranno presto messi a ragione”. E la Pravda (17 dicembre 1936) scriveva: “In quanto alla Catalogna, è cominciata la pulizia degli elementi troskisti e anarco-sindacalisti; opera che sarà condotta con la stessa energia con la quale si condusse nell’U.R.S.S.”.
La coalizione bolscevica-democratica-radicale spagnola si era costituita contro il popolo spagnolo per cancellare le conquiste che questi aveva già saputo fare e per impedirgli di realizzarne altre.
In quell’ambiente rovente, confuso, infido, pieno di incognite e gravido di conseguenze funeste, Camillo Berneri getta un angoscioso grido di allarme. Le sue parole hanno un accento, un’autorità nuovi, una sicurezza che stupisce tutti coloro che conoscono la modestia di Camillo, il tormento dei suoi dubbi. Sono le parole di uno che è pronto a dare la vita pur di poter dire la verità.
Per 25 anni ha atteso quel momento, fortificandosi nello studio, nella povertà dell’esilio, nella solitudine del carcere, nelle sue peregrinazioni di uomo perseguitato e cacciato da tutte le polizie del mondo. Ha raggiunto la sicurezza di sé: il trionfo della verità vale il sacrificio della vita.
Con la forza che gli viene dalla chiara consapevolezza delle proprie responsabilità di rivoluzionario egli parla.
“Persuaso che la rivoluzione spagnola si avvicini precipitosamente ad una svolta pericolosa, impugno la penna come impugnerei il revolver od il fucile…”
Conciliare le “necessità” della guerra, la “volontà” della rivoluzione sociale e le “aspirazioni” dell’anarchismo: ecco il problema. Ne dipendono la vittoria militare dell’antifascismo, la creazione di un’economia nuova redimente la Spagna, la valorizzazione del pensiero e dell’azione anarchici. Tre grandi cose che, meritando qualsiasi sacrificio, impongono il dovere del coraggio di dire interamente il proprio pensiero”. (“Guerra di classe”, Barcellona, 5 novembre 1936)
Non risparmia le critiche agli anarchici spagnoli che partecipano al governo. Ma quanto amore è in quelle critiche! Come egli si sente ormai legato al destino del popolo spagnolo.
“Il ricatto: o Madrid o Franco ha paralizzato l’anarchismo spagnolo. Oggi Barcellona è tra Burgos, Roma, Berlino, Madrid e Mosca. Un assedio.
…Un accumularsi di nuvole nere all’orizzonte e una nebbia che acceca. Aguzziamo lo sguardo e teniamo il timone con mano d’acciaio. Presa tra i Prussiani e Versailles, la Comune accese un incendio che ancora illumina il mondo. Tra Burgos e Madrid vi è Barcellona. Ci pensino i Godet di Mosca!”. (“Guerra di classe”, Barcellona, 16 dicembre 1936)
È una voce clamante nel deserto? I suoi disperati appelli sono intesi dagli anarchici spagnoli che hanno responsabilità maggiori in quello che sta accadendo?
Per essere certo di essere ascoltato, si rivolge direttamente ad uno di essi che ha autorità morale presso i suoi compagni, a Federica Montseny, con quella famosa lettera che segnò la sua condanna a morte.
In quello scritto egli cerca di consigliare alcune linee di condotta, richiamando gli anarchici al senso di responsabilità che essi hanno, denunciando gli errori e le debolezze della lotta politica governativa, e la necessità di pronunciarsi sulla politica dei comunisti in Russia ed in Spagna.
E conclude:
“Il dilemma: guerra o rivoluzione, non ha più senso. Il dilemma è uno solo: o la vittoria su Franco mediante la guerra rivoluzionaria o la sconfitta. Il problema, per te per gli altri compagni, è di scegliere tra la Versailles di Thiers e la Parigi della Comune, prima che Thiers e Bismarck facciano l’union sacrée. A te la risposta, poiché tu sei la ‘fiaccola sotto il moggio’”. (“Guerra di classe”, Barcellona, 14 aprile 1937)
La rivoluzione? Ma è proprio quello che non vogliono a nessun costo i comunisti, i partiti esistenti in Spagna, le cosiddette democrazie europee e Stalin.
I suoi disperati appelli se non furono accolti dai suoi compagni, attirarono, però, l’attenzione dei nemici della libertà.
Il console russo a Barcellona, Antonov Ovscenko, intervenne presso il governo di Catalogna, per chiedergli chi era questo Berneri che osava parlare un tale linguaggio e formulare tali critiche. Con la sicurezza e lo zelo di tutti i servitori di Mosca (il che non gli risparmiò più tardi di essere eliminato dai suoi padroni) affermò che “non poteva trattarsi che di un agente provocatore o di un imbecille”.
La Pravda aveva pubblicato, commentandolo aspramente, il suo articolo Una svolta pericolosa: attenzione!, in cui Berneri rivendicava il diritto di dire la verità. Ma dire la verità è il più grande delitto per coloro che della menzogna ne hanno fatto un principio, un cardine del loro sistema.
Il servidorame della dittatura bolscevica in Spagna, approfittò, dopo di averlo preparato, dell’attacco violento scatenato dalle forze di polizia contro le organizzazioni operaie e specialmente contro quelle della C.N.T. che controllavano la centrale telefonica, per sopprimere, con il classico metodo delle esecuzioni della Ghepeu, Camillo Berneri, Francesco Barbieri e centinaia altri di militanti anarchici e del P.O.U.M.
Da allora i morti delle giornate di maggio, e l’assassinio di Camillo Berneri, pesano sulla valutazione dei partiti comunisti. Una nuova era iniziava per il movimento operaio del mondo. Il comunismo sarà visto d’ora in poi alla luce di una nuova critica di uomini liberi, onesti, sinceramente progressisti che sanno che la verità appartiene a tutti e non è l’esclusività di un Partito, di una Chiesa, di una Ideologia.
L’Europa, il mondo intero (ad eccezione della Russia dove la verità non può penetrare) conoscerà la verità sui fatti di Barcellona. Si saprà che Camillo Berneri e centinaia di rivoluzionari sinceri sono stati assassinati da agenti al soldo di Mosca.
Anche tra l’antifascismo italiano in Francia sorgono le prime polemiche: persino tra comunisti e socialisti legati tra di loro dal patto di unità d’azione. A proposito dell’assassinio di C. Berneri i comunisti rimprovereranno ai loro nuovi alleati di aver avuta la debolezza di commemorare C. Berneri, il che rivelava quanto fosse deficiente ancora la coscienza della rivoluzione antifascista persino in tanti che vorrebbero occuparvi posti di direzione e quindi di maggiore responsabilità. È questa una deficienza che bisogna superare…
E sempre a Parigi, in seno al partito socialista italiano, Modigliani si opporrà all’entrata di due comunisti nella Lega dei diritti dell’Uomo (uno dei quali aveva preso, ed in che modo!, le difese degli assassini di Camillo Berneri) ed affermerà che “non si può essere militanti fedeli al bolscevismo e sicuri assertori ad un tempo dei diritti dell’Uomo” (“Nuovo Avanti”, Parigi, 6 agosto 1937).
Bolscevismo e libertà sono due termini antitetici: ecco la verità che scaturisce da quegli avvenimenti. Il volto crudele e feroce del bolscevismo si è mostrato anche nell’Europa Occidentale.
Purtroppo, in seguito, di ben altri orrori e stragi esso si è macchiato e nonostante tutto, il mito bolscevico sopravvive. Perdura perché milioni di uomini sono stati per lunghi anni condizionati al fanatismo, all’ubbidienza, da una macchina che semina anche il terrore stritolando i dissidenti o diffamandoli quando non può sopprimerli. Però questo mito ha ricevuto dei duri colpi recentemente e la sua completa distruzione dipenderà dalla nostra fedeltà ai morti delle giornate di maggio del 1937, ai tanti altri assassinati nello stesso modo ed a quelli delle giornate ungheresi dell’ottobre-novembre 1956.
Camillo Berneri “era senza possibilità di dubbi il migliore degli antifascisti venuti a combattere in Ispagna”. Così lo definì Libero Battistelli, un uomo di profonda cultura e umanità che era venuto dall’Argentina per combattere con la Spagna del popolo, e che rimase ucciso sul fronte di Huesca qualche settimana dopo l’assassinio di Camillo.
Se Camillo Berneri fosse morto in pieno combattimento, con le armi in pugno, di fronte al nemico, la sua morte avrebbe addolorato ma non avrebbe suscitato collera e amarezza. Fu, invece, colpito a tradimento, nel buoi, senza che egli potesse vedere nel volto i suoi assassini.
Non per questo però la sua morte ha un significato ed un valore meno grandi. Essa rimane ugualmente il coronamento di una vita degnamente vissuta, tutta spesa per il trionfo della verità e della giustizia. È la morte dell’uomo giusto, quella che egli stesso aveva invocato nel suo Credo.
In Spagna, quella lotta per la giustizia sociale aveva un fronte ben più vasto e meno definito della guerra contro Franco. Difficile era valutare la forza del nemico e sapere dove si nascondeva e quali maschere esso portava. Come da sempre, esso si trovava in tutti i posti in cui si lavorava per ricostruire una qualsiasi macchina di Potere e di Comando.
Camillo Berneri è morto sulla barricata che egli aveva scelto all’età di 15 anni e dove ne era rimasto 25 anni, senza scoraggiamenti, senza stanchezze. Una vita, così intensamente vissuta e generosamente spesa, lascia dietro di sé qualche cosa di eterno.
Quando nell’ottobre 1949 (dodici anni dopo la sua morte) Le Libertaire di Parigi pubblicò uno scritto di Camillo Berneri con il significativo titolo “Invito alla vita”, una lettrice di quel giornale, credendo l’autore di quello scritto vivente, gli scrisse una lettera che conservo fra le mie carte perché mi è di conforto pensare che vi siano altri che lo sentono o lo credono vivo.
Ho bisogno, in questo momento, della comprensione e dell’indulgenza dei lettori di questa rivista per la violazione che sto compiendo di questo mio segreto. Ma in questo ventesimo anniversario dal suo assassinio mi pare che la pubblicazione di quella letterina, cos’ semplice e profondamente sentita, sia l’omaggio migliore che si possa fare alla sua memoria ed il solo che egli avrebbe certamente gradito.

Parigi, ottobre 1949
Caro compagno,
ho bisogno di ringraziarvi per quello che ho letto questa mattina sul nostro giornale settimanale. Lo rileggerò spesso e troverò sempre meraviglioso che altri siano così trasportati di entusiasmo per quelle ricchezze sconosciute che riempiono il mondo e che io vedo nella stessa vostra luce.
Quando si è meno forti e la miseria è troppo greve, quella gioia, che anch’io porto dentro di me, soffoca e mi pare sia estinta, mentre alla più piccola parentesi di calma si riaccende. Questa felicità è una grazia!
Dovete essere molto giovane, compagno, per pensare che tutto questo possa essere il bene di tutti. I lupi che ci circondano genereranno altri lupi. Tanto peggio per essi. Ma anch’essi, con le loro guerre, diranno: tanto peggio per loro. Poveri noi.
Mi afferro a quella speranza di rinnovamento universale di cui voi parlate.
Ma, quando voi parlate dell’amore io dico: “felice la donna che vi ama e che voi amate”. Questa missione è anche per lei.
Se un giorno voi venite in Francia, vi invito a casa mia. La via dove abito e lavoro è una via molto triste, vi è un solo albero. Guillaume Apollinaire vi ha abitato al numero nove, in basso della butte di Montmartre, proprio di fronte a me.
Voi vedrete i disegni che io faccio per i bambini. Mi firmo Carotte, questo nome piace loro. Non è una firma che si addice agli uomini semplici di domani?
Caro compagno, grazie ancora. E nonostante tutto vi auguro molta gioia, sempre.
Carotte.

Non ti ho mai cercata, amica Carotte. Ho voluto che tu continuassi a crederlo vivo, così come i suoi che l’hanno amato profondamente continuano a sentirlo dentro si sé.
Giovanna Caleffi Berneri

Di: Daniele Leoni

Liber* da chi e da cosa.

Ci siamo quasi. Le alte cariche dello stato si stanno preparando per riempirsi le bocche in pompa magna con le parole resistenza e democrazia. Tv e giornali a caratteri cubitali parleranno delle eroiche gesta dei tempi che furono,le alte cariche dello stato in doppio petto e tailleur si presenteranno alle varie cerimonie solenni organizzate in tutto il paese,mani dietro la schiena e capo chino per ricordare chi ha lottato per la libertà,pronunceranno belle parole,ci parleranno di democrazia e faranno sicuramente qualche riferimento alla costituzione,la migliore del mondo come è stato detto e ribadito più volte. Ma questa democrazia è forse mai esistità? Certo che si,è proprio quella che stiamo subendo da allora,in maniera più viscida e subdola,prima si chiamava fascismo e oggi si chiama democrazia,basti solo pensare a quelle persone che fino alla vigilia del 25 aprile indossavano la camicia nera e dal giorno dopo l’hanno riposta per indossare quella rossa,ma non solo,grazie all’amnistia di Palmiro Togliatti la quale riabilitò oltre cento prefetti su 115. Ma di quale libertà,di quale costituzione,ma di quale democrazia stiamo parlando. E’ proprio grazie a quella democrazia che il fascismo ha potuto proseguire sotto spoglie meschine e subdole,basta pensare che esistono ancora leggi in vigore risalenti agli anni 30 ed applicate nei confronti di chi cerca di resistere oggi quali pene pecuniarie e detentive per chi pratica il dissenso,e i fogli di via,i reati di devastazione e saccheggio,adunata sediziosa e molti altri reati contestati a chi dissente da un regime autoritario che non ha niente a che vedere con la parola democrazia. Proprio una bella parola,ma come suona bene,uguaglianza,parità di diritti,quando vengono pronunciate il popolo si scioglie,va in brodo di giuggiole,ignaro del fatto che l’illusione della democrazia gli viene proposta continuamente per richiamarlo al voto e perpetuare questa situazione tragicomica all’infinito. Ripartiamo dalle scuole,è da li che lo stato inizia il suo processo di fascistizzazione. Liber* quindi da chi e da che cosa. resistenza

Stritolati dalla morsa del capitalismo.

A pochi giorni dalla morte dei 2 operai alle cave di Carrara mi sento di esprimere la mia personale opinione sulle dichiarazioni e sulle polemiche scaturite a caldo subito dopo l’accaduto. A prescindere dal fatto che ognun* della sua vita ne fa ciò che meglio crede ed è liberissim* di scegliere come vivere o come morire, è affar suo sia ben chiaro questo,ma quando sento dire che le cave “sono un affare dei cavatori” allora proprio non ci sto,non mi interessano le leggi della Beatrice D’Este o le varie regole e leggi sugli agri marmiferi e demaniali,mi riferisco alle leggi della natura e al buon senso umano. Le montagne appartengono alla natura e nessuno ha il diritto di distruggerle per trarne profitto neanche per un piatto di minestra come si suole dire in gergo per sbarcare il lunario. Vengo da una famiglia di cavatori nella quale si sono verificati negli anni incidenti in cava e perdite umane questo per dire quanto possa dispiacermi della perdita di una vita umana e quindi umanamente lo ritengo anche un “affare” mio,non è bello salutare un amico la mattina al bar come è successo a me e credo a molte altre persone e non rivederlo più tirato fuori dalle macerie a brandelli. Non è neppure bello vedere le montagne scomparire a vista d’occhio,non è forse questo un affare di tutta quella parte della collettività che vorrebbe praticarle e viverle? Ho letto che ci sono stati degli alterchi tra gli stessi cavatori con alcune persone alle quali è stata pronunciata questa frase,posso capire benissimo il momento ma credo che i cavatori dovrebbero fermarsi tutti insieme e chiedersi se ne vale la pena tutto questo pur avendo famiglie a carico,conosco benissimo anche le eventuali risposte “poi veniamo a mangiare a casa tua” e le solite frasi ricorrenti quando a Carrara si va a toccare il tasto marmo. Vi fanno credere che il marmo sia l’unica risorsa di Carrara ma non è affatto così,è l’unica risorsa per i soliti noti che si ingrassano con la complicità dei polituncoli locali i quali hanno tutto l’interesse che l’estrazione vada avanti e a voi restano le briciole. Penso che siate gli unici a poter dire basta a questo sfruttamento e alle morti,è inutile piangere un compagno o un amico e poi riprendere subito a cavare marmo,è come darsi una coltellata e chiedersi perché esce il sangue. Fregatevene dei sindacati e dei partiti che cavalcano l’onda del momento in queste situazioni i quali si precipitano come avvoltoi sulle prede e in realtà poi stringono patti con i padroni per perpetuare lo sfruttamento,incontratevi e discutetene tra voi e che alla fine prevalga la ragione. Maledetto fu l’uomo che recinse il primo orto qualcuno disse un tempo,da li nacquero i primi guai. Senza alcun rancore ma non se ne può davvero più.

Ale2015-06-27 19.15.23

IL PRIMO MAGGIO NON C’E’ PROPRIO NIENTE DA FESTEGGIARE!

volantino-page-0
Non è proprio possibile parlare di festa del Primo Maggio. Il primo pensiero degli anarchici è infatti rivolto ai martiri di Chicago dove nel 1886 7 anarchici vennero ingiustamente condannati e successivamente impiccati con l’accusa di aver fatto scoppiare un ordigno durante un comizio di lavoratori. E’ trascorso oltre un secolo e da allora le cose non sono poi cambiate di molto, la repressione e il controllo si sono ancor più inaspriti facilitati dalle nuove tecnologie su chi lotta contro le ingiustizie sociali. Un pensiero particolare è rivolto a tutte le vittime strappate alla vita dalla violenza capitalista per sbarcare il lunario,morti inutili stritolate dall’ingranaggio del capitale.
Le devastanti politiche dei governi passati e non da ultime dell’attuale governo Renzi stanno sferrando colpi micidiali su chi tenta con unghie e denti di difendere la propria esistenza e i propri diritti di uman* In men che non si dica ci si può vedere tagliati i servizi primari come acqua luce e gas come previsto dalll’articolo 5 del decreto Renzi denominato “piano casa”. Questo significa lasciare interi nuclei familiari con molti bambini abbandonati alle proprie esistenze negando loro un tetto ed ogni dignità di vita. Lo sfruttamento umano è la logica del profitto,tutti contro tutti, è stata creata una vera guerra tra poveri,giorno dopo giorno le nostre vite sono continuamente messe a rischio annullandole come biglietti da obliterare. Nessuno è escluso da questo gioco al massacro, anche chi solo fino a poco tempo fa si sentiva al sicuro delle proprie condizioni economiche e sociali oggi non lo è più tartassato vessato e derubato dal potere delle lobby bancarie. Ormai vivere è un lusso,ogni diritto viene negato,è doveroso prendere atto della situazione e lottare contro chi affama e sfrutta prendendo per la gola col ricatto salariale,il tutto nel nome di una democrazia legittimata col consenso del voto,quella democrazia con la quale i politici sanno solo riempirsi le bocche la quale consente solo di dissentire sulla carta ma poi è subito pronta a brandire il bastone non appena si scende in piazza per rivendicare i propri diritti di umani. La parola d’ordine per il governo è tagliare e reprimere,si taglia sulla sanità,si taglia sul sociale,vengono tagliate le pensioni e i posti di lavoro,ma, al contempo si trovano soldi per costruire opere inutili probabilmente per giustificare e riciclare soldi provenienti da chissà dove, ma non solo,si salvano le banche con i nostri stessi soldi. Anche la sanità sta diventando un lusso, curarsi è impossibile,un piano prestabilito e ben congegnato che volge alla privatizzazione, in altri termini quella ché è una necessità primaria che dovrebbe essere garantita ad ogni essere umano è in realtà riservata solo a pochi privilegiati. Non esistono governi buoni,non ce ne sono mai stati e mai ce ne saranno..Abbiamo tutt* quant* il dovere di ribellarci a questa situazione drastica e di porre fine a questa barbarie riappropriandoci di ogni diritto umano per la costruzione di un mondo nuovo senza sfruttatori e sfruttati contro chi parla di pace e al contempo promuove e finanzia guerre in nome della legge e della democrazia rifiutando la chiamata alle urne che da oltre 70 anni non fa altro che rinnovare gli sfruttatori di turno che si avvicendano al potere. Questo Primo Maggio invitiamo tutt* alla partecipazione e ad una seria riflessione affinché i termini pace amore e libertà possano quanto prima concretizzarsi e poter trovare i loro giusti significati e la loro giusta applicazione.
“Se mille uomini non pagassero le tasse quest’anno, ciò non sarebbe una misura tanto violenta e sanguinaria quanto pagarle e permettere allo Stato di commettere violenza e di versare sangue innocente. Questa è, di fatto, la definizione di una rivoluzione pacifica.”
(Henry David Thoreau)

Anarchiche e anarchici individualist*

I prestigiatori.

12931209_1696037357351791_4300418376566869011_n
Così come non sarà, ovviamente, la violenza della globalizzazione a concludere l’oppressione di tutti gli esseri viventi, così non lo sarà la sua antitesi o opposizione democratica, dobbiamo incenerirlo il potere, non impadronirci di esso. L’anarchia è l’unica alternativa alle barbarie. La delega ci è nemica, insegna dal suo pedistallo dorato una parità ipocrita, una fratellanza falsa, menzogne plasmate e ricche di sfumature, che accompagnano in fila indiana coloro che credono in una libertà a metà donata dagli stessi carnefici che la negano per diritto acquisito. Non vi è libertà nelle promesse elettorali ma soltanto illusione. Come tanti piccoli prestigiatori i fautori della delega rispolverano sempre gli stessi cilindri, cilindri logori e marci ma verniciati all’occorrenza di un candido bianco. A ogni crocetta con la matita corrisponde un metro di catene, se questa è libertà allora preferisco non partecipare allo spettacolo circense dei maghi e il biglietto regalarlo volentieri agli adulatori dello spettacolo.
Olmo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: