A casa andateci voi!!!

Da quando l’8 novembre scorso in seguito alla quarta alluvione circa 2000 persone indignate si sono trovate davanti al comune per occuparlo sono trascorsi poco più di 70 giorni. Dai primi giorni si è costituita una assemblea permanente all’interno della sala di rappresentanza del comune più propriamente conosciuta come sala della resistenza. Da quella data la sala è presidiata giorno e notte ed è ancora attualmente il luogo dei tavoli di lavoro e di svolgimento delle assemblee. Dall’8 novembre quella parte di persone stanche delle promesse mai mantenute sulla messa in sicurezza del territorio vogliono a gran voce le dimissioni dell’attuale sindaco e della giunta. Proprio ieri in un comunicato diramato dai partiti di maggioranza (PD; PSI; PRI; PRC;Carrara Futura; SEL Sorridi Carrara) lamentano la presenza del presidio nella sala comunale a loro dire per un ritorno alla normalità, e mi chiedo quale sia per loro il significato di normalità e ci si chiede quali siano i loro canoni e parametri di “normalità”,il doversi sentir dire che stanno lavorando per la città e alla messa in sicurezza del territorio, e, che al momento non ci sono rischi reali,pensano forse di parlare a gente sprovveduta oppure si fanno solo beffa di loro approfittando del fatto che rivestano un ruolo di privilegio? La risposta pare scontata quando niente di tutto questo è stato fatto,sono solo stati capaci di dare una pulita sommaria alla frazione di Avenza solo perchè sapevano che ci sarebbe stato il degrado tour,una iniziativa promossa dall’assemblea permanente che ha ripercorso diverse tappe per evidenziare tutte le loro mancanze e le varie falle e criticità del territorio,lavori iniziati subito dopo che è stato iniziato il volantinaggio. E affermano:”Le forze politiche ritengono perciò che sia arrivato il momento di porre termine a una situazione non più sostenibile nelle modalità e nei metodi e che quanti fra gli occupanti abbiano volontà di svolgere un ruolo democratico possano dimostrarlo lasciando libero lo spazio occupato che appartiene a tutti.

Su questi presupposti le forze politiche di maggioranza si rendono disponibili al confronto sui temi della città.
Molto è stato fatto e molto resta da fare per tornare alla normalità, ma oggi si rende necessario rispondere alla richiesta dei tanti che chiedono il ritorno a una condizione di agibilità democratica nel cui ambito ciascuno possa svolgere il proprio ruolo in una Città che, oggi più che mai, ha bisogno di ritrovare coesione sociale e risorse per affrontare il futuro”. Penso che sia arrivato il momento di porre fine a questa situazione e per porvi fine è assolutamente necessario che abdichiate e che ve ne andate a casa,siete solo stati capaci di ridurre una città al lastrico,una città martoriata sia dal punto di vista paesaggistico che economico,avete distrutto il lavoro,a Carrara la filiera del marmo non esiste più da anni,avete creato povertà panico e insoddisfazione.QUESTO NON E’ PIU’ SOSTENIBILE,VI DOVETE SOLO VERGOGNARE,PARLATE DI DEMOCRAZIA QUANDO SIETE VOI A TRADIRE PER PRIMI QUEI VALORI CHE ANDATE SBANDIERANDO, AVETE CONTINUATO A FARVI BEFFA DEL POPOLO DALL’ALTO DEI VOSTRI SCRANNI TUTELATI DALLA VOSTRA DEMOCRAZIA. IL VOSTRO TEMPO E’ FINITO,SIETE SCADUTI,NON SONO I CITTADINI RIUNITI IN ASSEMBLEA CHE DEVONO USCIRE MA, SIETE VOI CHE VE NE DOVETE ANDARE A CASA NON PRIMA PERO’ DI AVER CHIESTO SCUSA AD UN’INTERA POPOLAZIONE.ignavo

Precedente Agguato fascista al centro sociale Dordoni di Cremona. Successivo Cittadini liberi in un luogo libero:la Sala di Rappresentanza